Millward Brown contro Harris Interactive, uno premia Apple, l’altro Google. Ma, opss, Skype è di Microsoft

La stampa mainstream dà enorme importanza allo spodestamento di Google da parte di Apple nella classifica BrandZ di Millward Brown. Invece non ha dato alcuna rilevanza al fatto che Google sia prima, e Apple solo quinta, nella classifica di Harris Interactive.

I soliti due pesi, due misure?

E comunque, la notizia di oggi è che Microsoft acquisisce Skype per 8.5 miliardi di dollari: Kinect, Xbox, Windows Phone più Skype, inizia a diventare un ecosistema non banale. Google dovrà non sottovalutare l’accordo Nokia – Microsoft/Skype. E poi si aspettano alcune grosse novità Android da Google I/O (anche Google Music, pare)… Ma la provinciale italia si ferma a guardare l’ombelico, ancora una volta.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

31 risposte a Millward Brown contro Harris Interactive, uno premia Apple, l’altro Google. Ma, opss, Skype è di Microsoft

  1. Guido Baldoni scrive:

    Le ultime versioni di Skype erano un disastro… adesso ha trovato il suo ambiente naturale!

    Inoltre, Microsoft online services + Skype = passivo + passivo = MOLTO passivo!

  2. Mirella scrive:

    FaceTime contro Skype. Forse non hai idea di cosa sia il B2b… 663 milioni di utenti registrati (Skype), di cui 170 milioni di utenti connessi, 8.8 milioni paganti, più di 207 miliardi di minuti di conversazioni voce e video nel 2010… Vuoi darci i numeri di FaceTime, Guido Baldoni che invia decine-commenti-in 35 minuti? A casa mia si chianma spam…

  3. Guido Baldoni scrive:

    Ciao, Mirella! Come vedi mi firmo con nome e cognome, niente pseudonimi, niente fake. Quanto all’accusa di spam, che riguardo ai commenti di blog ha secondo Wikipedia la definizione di “automatically posting random comments or promoting commercial services to blogs, wikis, guestbooks, or other publicly accessible online discussion boards.”: non penso che difendere la Apple possa essere considerato promozione commerciale, ma mi rimetto all’altrui giudizio. Semplicemente ho scoperto questo blog, mi sono spedito la versione mobi del libro sul Kindle per leggermelo con calma (non esiste una versione ebook commerciale? O uno spazio donazioni? Sono stufo di libri cartacei, ma non mi dispiacerebbe supportarvi!) e mi sono letto tutti i post degli ultimi tre mesi, lasciando un commento dove (e solo dove) mi sembrava mancasse qualcosa da aggiungere. Non era mia intenzione l’effetto bombardamento, e mi scuso se così è stato.

    Quanto a Skype: lo uso anch’io e se noti non ho parlato né di numero di utenti, né di confronti con Facetime (che è ancora molto limitato, e forse così resterà – chi potrebbe prevalere è invece Facebook, che ha una fidelizzazione molto più ampia di Skype).
    Ho parlato di versioni (io uso mac, e qua si parla della versione 5: http://ignorethecode.net/blog/2011/03/30/skype_5/ ) e di passivo. Skype è popolare ma perde soldi (7 milioni nell’ultimo trimestre: http://gradly.net/2011/05/10/microsoft-to-acquire-skype-for-8-5-billion/ )… proprio come gli online services di Microsoft ( http://www.businessinsider.com/chart-of-the-day-microsoft-online-operating-income-2011-4 ).
    Ora il rischio per SkypeSoft è di far languire le applicazioni sulle piattaforme non Microsoft, e di perdere la preziosa fidelizzazione del pubblico non appena Facebook, Google o Apple lancino delle alternative serie e innovative.

  4. rd scrive:

    Il “nome e cognome”, è la carta di identità? E non puoi inventartelo? Suvvia, un po’ di serietà. Mica hai messo online i tuoi dati… non li mettere, per carità Poi ti fanno un “furto d’identità”, e non è il caso, dopo il “fiasco di Sony” e il “tracciamento di Apple”…

    Skype è seria. FaceTime, mah… simpatica, diciamo così 🙂

  5. Guido Baldoni scrive:

    rd, il tuo punto?

  6. rd scrive:

    Farsi tracciare da iPhone e iPad, non è il mio genere di sport preferito. Nè il mio standard di privacy online. Da un nome online, chi dice che la tua vera identità sia quella? Il nome e cognome non è indice di nessuna serietà… Figuriamoci 😀
    Puoi sempre scrivere sul blog di un libro come “Emozione Apple” visto che è il genere che sembra più sul tuo stile…

    In un affare da 8,5 miliardi di dollari, che saranno mai una perdita di 7 milioni di dollari? Quelli si recuperano con un buon accordo. Tipo: far pagare Skype su iPhone…?

  7. Guido Baldoni scrive:

    Invece, di Emozione Apple non me ne frega niente, e scrivo qua dove cerco un dialogo che sia anche costruttivo.

    > In un affare da 8,5 miliardi di dollari, che saranno mai una perdita di 7 milioni di dollari?

    i 7 milioni di dollari, pochi, si sommano agli 8,5 miliardi di dollari spesi, troppi, e alle centinaia di milioni di passivo della divisione Online di Microsoft. E l’affare non lo vedo. Vedo una Microsoft che continua tranquillamente a guadagnare con i suoi due gioielli, Windows e Office, ma che non ha molto altro da offrire (come fonte di profitto) da anni.

  8. rd scrive:

    Su una cosa ti dò ragione. Il libro “Mela Marcia” è più costruttivo di “Emozione Apple”, anche se nessun big Mainstream (tranne Vanity Fair) lo ha recensito 😉

    Microsoft punta sul cloud (Windows Azure) e su un accordo con Nokia. E su Kinect. Nokia è molto resistente. E Nokia+ Xbox Live + Skype + Windows Phone 7… sono una novità. Per carità, tutta da verificare (tanto che Nokia ha un piano B per il 2013: Android), ma Steve Ballmer sembra aggressivo come ai suoi tempi d’oro.
    Kinect… non la sottovalutare troppo: è “Minority Report” molto di più che “toccare un tablet in punta di dita”. L’hai provata? Ha potenzialità fantastichew.

    Certo, in mano all’open source, sarebbe oro. Microsoft però insegna: è arrivata dopo in tanti mercati, negli ultimi 10 anni, e ha sempre recuperato in fretta…

    Non diamo spacciata Microsoft (nè tu Fanboys né io Fandroid), prima del tempo. Sai che per Microsoft qualche centinaio di milione di dollari di rosso nell’online, sono poca roba…

    Certo, l’accordo con Yahoo! non sta girando a dovere: Carol Bartz dà la colpa a Microsoft adCenter, e io concordo. Bing è buono, ma adCenter deve fare molto meglio di ora.

  9. Guido Baldoni scrive:

    Kinect è innovativo… ma anche grazie agli hacker che lo hanno rivoltato come un calzino, gli usi ufficiali per adesso sono penosi. Balla come Michael Jackson!
    Windows Phone 7 è finalmente qualcosa di diverso dall’iPhone (in questo Android è stato pigro, ha innovato poco dal punto di vista di interfaccia e design)… ma il casino con gli aggiornamenti lo sta rapidamente mettendo a repentaglio.
    Insomma, la Microsoft di oggi riesce ancora a fare un colpaccio su venti, ma non la vedo più capace di iterare, migliorare migliorare migliorare. Mi sembra fragile. Vedremo cosa farà con Skype, che era diventato anche lui un gigante con qualche crepa.

  10. rd scrive:

    sai, questa del gigante dai “piedi d’argilla” siu sente da un decennio… Eppure Windows Phone 7, è bello; aspettiamo il 24 maggio. E Windows Phone 7.5… E’ giovane, ma – una volta rodati gli upgrade- WP7 rulez. Anche iPhone nel 2007, non era tutto luccicante, dai… Fino ad iPhone 3G, le creèe e le lacune c’erano eccome! Dagli 6 mesi e riparliamone.
    Su Kinect: concordo. Ma… far lavorare gli hacker gratis, e poi “capitalizzare il meglio” per Natale, non è il “metodo open source”? Microsoft si sta facendo furba… mi pare. Non la darei per spacciata, prima di vedere Windows 8. Poi, si potrà dire se è decotta o no… Invece Apple, senza Steve Jobs, la vedo tropppo “seduta sugli allori”… Sembra la Microsoft splendente di Window 2000: e poi è arrivato il “flop Vista”, il cambio di guardia, l’addio di Gates…

    Be careful 😉 L’hi-tech ha i corsi e ricorsio di Vico, ma a parti alterne, a volte!

  11. Guido Baldoni scrive:

    Sì, la Apple ha il problema di Jobs, ed ha formato una “Apple University” specificamente per non perdersi nel dopo-jobs. Insomma, i prossimi anni saranno interessanti!

  12. rd scrive:

    In tutto l’hi-tech. Anche il Playbook di Rim, con apps Android e l’accordo con Microsoft, non lo sottovaluterei… Apple vorrebbe un Eric Schmidt: quello sì che l’avrebbe fatta crescere, senza la “distrazione di massa”. Cmq, auguri… Il mercato è vivo se i player sono agguerriti: Android lo è, eccome; Apple se la cava; Rim, Microsoft, Hp WebOs non vogliono perdere quote. La sfida sarà ad alto livello, insomma 🙂

  13. Mirella scrive:

    I 7 milioni di dollari di debiti di Skype su un fatturato di 860 milioni lo scorso anno, sono poca cosa. E’ invece ancora in perdita la divisione di Bing, Online Services, con perdite in crescita del 2% a 726 milioni di dollari (il Ceo di Yahoo!, Carol Bartz, che con Bing ha siglato un’alleanza decennale, punta il dito contro la tecnologia Microsoft adCenter, che non riesce a capitalizzare appieno la crescita di Bing a discapito della discesa di Yahoo! nel mercato dei motori di ricerca). Ma i ricavi della divisione Online sono cresciuti del 15% a 648 milioni di dollari.

    Le vendite di Xbox 360 (con Kinect nel Guinness dei primati) sono salite del 60% a 1.94 miliardi di dollari, mentre l’utile operativo è balzato del 50% a 225 milioni di dollari.Microsoft ha venduto 2.7 milioni di Xbox 360 nel trimestre con un incremento del 79% anno su anno.

    Dunque, “passivo più passivo” è un po’ uno slogan vuoto…

    Considera che le video-conferenze su Internet sono in aumento: secondo Ovum il mercato delle videoconferenze è in crescita di quasi il 6% ogni anno fino al 2016. Un mercato che raggiungerà quota 1.1 miliardi di dollari entro il 2016. Oggi a sfidarsi sono Cisco, Avaya e Polycom… Ma in futuro chissà. Le “cose vanno viste in prospettiva”: su Internet 2+2 può fare 1, come fare 8. La capacità di sommare due business dipende dalle sinergie, dalla strategia, dagli overlap, dagli scenari che si dischiudono, dalla bravura dei manager e dei team… Non diamo nulla per scontato, insomma. Ma stiamo con gli occhi aperti 🙂

  14. Guido Baldoni scrive:

    Il punto è che: 1) Skype fa schifo ma 2) è la migliore alternativa presente.
    Facetime è elegante ma limitatissimo (gli annunci di apertura non hanno finora avuto seguito), Google Voice va solo negli Stati Uniti… c’è spazio per un innovatore che potrebbe fare il colpaccio e superarli tutti di un balzo. Potrebbe essere Facebook, data la sua diffusione. Basterebbe poco per far crollare Skype.

  15. rd scrive:

    Skype a me funziona benissimo. E non mi pare che FaceTime abbia 663 milioni di utenti, 170 milioni di utenti connessi, 8.8 milioni paganti, più di 207 miliardi di minuti di conversazioni voce e video nel 2010… Sai, l’eleganza è un optional. A questo mondo servono pragmatismo, funzionalità, capacità B2b. E nel Business-to-business Skype ha fatto parecchio, da quando è stata ceduta a eBay. Poi, certo, si può fare sempre meglio: altrimenti, il progresso dove sarebbe? Vuoi la tele-presenza Umi di Cisco, tutto è possibile:
    http://www.itespresso.it/umi-telepresence-la-videoconferenza-consumer-secondo-cisco-48226.html
    (a parte che Cisco abbandona il consumer e, dopo l’addio a Flip, sta rifocalizzandosi nel B2b…)

    “Fare schifo” si dice a 7 anni, poi si passa a critiche un po’ più articolate ed elaborate: non sei per l’eleganza made in Cupertino?

  16. Guido Baldoni scrive:

    rd, ma perché mi attacchi su cose su cui sono d’accordo con te?

    Io dico: Facetime è elegante ma limitatissimo e non open nonostante gli annunci
    Tu attacchi a testa bassa: “non mi pare che FaceTime abbia 663 milioni di utenti, 170 milioni di utenti connessi, 8.8 milioni paganti, più di 207 miliardi di minuti di conversazioni voce e video nel 2010…”
    e chi aveva detto il contrario? inoltre ho detto che skype è la migliore alternativa presente.

    perché ti offendi per una parola come “schifo”? Bizzarro…
    Skype 5 per mac (che ha quanto ho capito ha preso da Skype per Windows) fa schifo, non ho problemi ha ripeterlo, ha difetti di interfaccia, è grosso, ingombrante, ha rinunciato all’eleganza della versione precedente.
    Quanto alle critiche più elaborate, avevo già postato questo link
    http://ignorethecode.net/blog/2011/03/30/skype_5/
    tu che ne pensi?

  17. Rd scrive:

    … e vedi che ti contraddici sempre. Avevi detto Skype fa schifo: un po’ generico, no? Ora se metti in luce invece i limiti di Skype 5, rispetto al 4, è diverso. In effetti io uso il 4, che mi piace; ora aspetterò il prossimo. Ma d’ora in poi, dovremo vedere cosa faranno Skype+Microsoft, e ancora non lo sappiamo, non ho la palla di cristallo. Quindi, un po’ prematuro sparare a raffica Commenti su un’alleanza che, dal Corriere a tutta la stampa mainstream Usa, giudica molto interessante. Acquisizione difensiva? Certo; a Microsoft premeva che Google, Facebook o Apple (con i suoi oltre 70 miliardi di dollari cash) non l’acquistassero. Negli affari, ci sono anche “mosse difensive”.
    Anche la “tattica” di andare nei blog altrui e sparare Commenti a raffica, è una mossa offensiva/difensiva che va al mulino di Apple… Nel business, c’è anche questo, no? E’ una tattica che usano anche i Tea Party americani contro Obama, figurati un po’ 😉

  18. Guido Baldoni scrive:

    Non mi affido al Corriere o alla stampa mainstream USA in fatto di tecnologia, come non mi affiderei al Titanic per attraversare l’Atlantico.
    Mi fa piacere che tu usi una versione di precedente di Skype. Anch’io! Ma questo vuol dire che… Skype (al momento, non sto parlando di passato né di futuro) fa schifo.

    Inoltre insinui che io sia prezzolato dalla Apple. Cosa te lo fa pensare? Hai bisogno di un riscontro per poter discutere con me? Ho parlato molto bene della Apple, certo, ma l’ho anche criticata su alcune cose (Facetime, Ping)… o magari questa è una mia mossa per sfuggire alle accuse di essere prezzolato? Diabolico 🙂

  19. rd scrive:

    66 Commenti in 20 POst diversi in meno di 24 ore parlano per te. Quello che fai alla luce del sole su IlPost e altri siti, tutti commenti solo-pro-Apple (poi ogni tanto parli male di un “flop” di Apple, flop acclarato anche da Cupertino, giusto per scrollarti di dosso le critiche più evidenti), parlano per te. No, macché prezzolato… Fanboys che ha tanto tempo libero, per mandare 66-dico-66 commenti in meno di 24 ore. Tutti monotematici 😀

    Spero che i webmaster scrivano un Post sulle Fanboyate da Fanboys, con tutti in fila i 66-dico-66 Commenti ai Post: alcuni un po’ fuori registro, altri un po’ imprecisi (sei più ferrato su Stracquadanio che sull’Open source o su Microsoft, però) che rendono bene l’idea di come si fa il Fanboys per screditare i siti altrui. Contento te… 😀

  20. Guido Baldoni scrive:

    rd, vai così che vai bene.

  21. Miriam scrive:

    Macché diabolico… dia-lettica un po’ banale da Fanboys 😉 Come te ce ne sono 1000, alcuni però più preparati di te. Hai mostrato alcuni “vuoti” che, ummmm, non aiutano Apple a dimostrare la propria “infallibilità pontificia”. Ma ci accontentiamo, dai: puoi migliorare 🙂

  22. Guido Baldoni scrive:

    Miriam sempre meno senso, alé. Non mi diverto. Che altro?

  23. Mirella scrive:

    Guido, mi spiace per questo tutti-contro-uno, ma quando uno arriva di punto in bianco su un blog, non troppo noto… non troppo famoso… per nulla mainstream, ma fatto da “volontari”, non pagati (come il libro, su cui nessuno autore ha guadagnato), con decine e decine di Post (io non li ho contati… rd dice 66, ma puo’ essere?) in un’unica giornata, come minimo, viene, come dire?, “guardato con sospetto”. Scrivi un commento ogni 24-48 ore, e vedrai che l’accoglienza sarà più simpatica e meditata 🙂

    Non rispettare la Netiquette genera un “effetto spamming”. Decine e decine di commenti in poche ore portano forse “a pensar male”? Chi losa; sono convinta della tua buona fede, ma, secondo me, cerca di metterti nei panni degli altri lettori, travolti da questa sessantina (?) di commenti in 24 ore. Oppure hai altre idee? Hai un tuo blog, una tua pagina Facebook?

  24. Guido Baldoni scrive:

    70 commenti… Non mi sembrano eccessivi. Siamo nell’età di internet, e volete che scriva un commento ogni 48 ore? In quale netiquette? Sapete che ci sono forumisti che scrivono centinaia di commenti al giorno? E non per questo sono spammer.
    Sono arrivato qui perché conosco ed apprezzo Agenzia X.
    Non ho un blog, potete trovarmi su Facebook col mio nome. Sono quello con in mano una brioche.

  25. rd scrive:

    Perché ti lamenti allora con gli utenti del blog? Da come difendi i PROFITTI di apple, non sdembri un accanito lettore di scritti sull’Anarchia… La verità è che sei un Fanboy che si contraddice spesso. IERI hai scritto che hai conosciuto il blog perché avevi trovato in Rete il libro, e anzi non sapevi come pagare il libro, ti dispiaceva averlo scaricato gratis e blabla… Se avessi saputo che era di AgenziaX, andavi sul sito di Hoepli, Feltrinelli, Bol.com o in qualsiasi libreria, e lo acquistavi. Punto. Lo sai cosa? Io credo che tu sia Luther Blisset: un “nome collettivo” da spammare come Fanboys, ma dietro ci sono 4-5 ragazzini, che si contraddicono spesso (perché in 67 Commenti non si ricordano più cos’hanno detto)!

    Insomma, tecnica di Marketing… scrivi pure quanto vuoi, ad ogni contraddizione, ci faremo una gran risata in qualche migliaio di utenti 🙂

  26. Guido Baldoni scrive:

    rd, ti chiedevo di come pagarlo elettronicamente perché non lo volevo cartaceo. Poi magari avessi le capacità di un Roberto Bui!
    Comunque, se per te non esisto, eviterò di risponderti, d’ora in poi, “rd”.

  27. Mirella scrive:

    Puoi scrivere anche mille commenti al giorno, ma ci mancherebbe! Eri tu che ti chiedevi: “ma perché mi attacchi” a qualcuno? Cercavo una risposta logica o plausibile, ma evidentemente la tua era una domanda retorica 🙂

  28. Fb scrive:

    Tra l’altro, Guido, più commenti, più aumenti il Ranking del blog, e più sale in alto su Google. Insomma… Grazie mille, fai un gran favore a NGN! 🙂 Visto che nessun mainstream recensisce “Mela Marcia”, grazie a te saliranno i loro click e la loro visibilità, e magari otterranno quella recensione, finora negata (causa, chi?), a cui, senza il tuo prezioso intervento McColo-style, mai avrebbero potuto aspirare. Sei forte… ma rd ha ragione: cadi spesso in tranelli, ti contraddici e soprattutto ti mancano un po’ di nozioni generali, pace

  29. Fb scrive:

    Dopo Q, forse un giorno leggeremo: A come Apple, allora 🙂 Ma non A come Anarchy, senza l’A cerchiata, insomma. Il falso mito dell’Openness, sfatato per fortuna. L’anarchia della dittatoriale A sarebbe proprio un ossimoro… Ma Steve Jobs nel ruolo del protagonista di Q di Luther Blisset, wow, da film!
    http://it.wikipedia.org/wiki/Q_%28romanzo%29

  30. Mirella scrive:

    Ricapitoliamo: Guido non vede di buon occhio l’accoppiata Skype-Microsoft. Premesso che io non faccio il tifo per nessuno (anche se ammetto: mi piace il Free software come filosofia), ma che “racconto scenari tecnologici”, voglio farti notare un paio di cose. Qui, li racconto, limitatamente a “Rotten Apple”, in omaggio al libro (se no il blog avrebbe avuto altro nome, o no? non usciamo troppo fuori tema).

    Skype+Windows Phone 7+Nokia: SE Microsoft saprà integrare (e non sempre ha saputo farlo: ricordo Danger 2008, Navision e Great Plains Software degli anni scorsi: quelle integrazioni non sono andate a buon fine o perlomeno come Redmond sperava…), SE…, Windows Phone 7 ha maggiore chance di raccogliere un po’ del market share abbandonato da Symbian

    Skype+Lync+Outlook: vuol dire mercato PMI, e soprattutto la fascia low-cost

    Skype+Windows 8 tablet: vuol dire che Microsoft a gennaio avrà un tablet con un appeal diverso. Non il “tablet Windows”, che appariva poco glamour fra i giovani, ma un “tablet Win-Skype” con un brand noto a 663 milioni di utenti e con un brand forte (e non appannato)

    Considera che Skype, per molti, non è un Voip, ma ormai un “social network”, una rete (P2p) su cui mantenere contatti… Anche Facebook ha fatto la corte a Skype

    SE andranno in porto queste 3 integrazioni, forse, Microsoft non è decotta come tu dici. Forse Steve Ballmer ha avuto più “naso” di quanto io stessa credessi 8 mesi fa.

    Poi, lo dirà la storia: la parola passa al mercato. Ma “il passivo più passivo” in un colosso da 50 miliardi di cash (anche Apple ne ha una 70ina in cassaforte), è una frase senza senso. Nell’hi-tech si guardano non solo le trimestrali, ma scenari e prospettive. Poi, fra un anno, riparliamone. Aspettiamo i fatti prima di dire se uno è decotto o no. Che ne dici?

    http://www.itespresso.it/pro-e-contro-dellaccordo-microsoft-skype-51989.html

  31. MacRaiser scrive:

    Sono pronostici un tanto al chilo, da provetto Applefan. Si dicevano le identiche cose quando MS si cimento’ con le console (“MS non sa assemblare hardware, tastiere e mouse a parte”, eccetera). Sappiamo tutti (sopratutto lo sanno dolorosamente Nintendo e Sony) com’e’ andata a finire, giusto?

I commenti sono chiusi.