Il triangolo no… non l’avevo considerato…

Per carità, nulla di peccaminoso. Ma per Google, ed anche Apple, l’appalesarsi di questa “amicizia” a tre (e volendo a quattro, se ci mettiamo anche Baidu) diventa una “liaison dangereuse“.

Noi ne abbiamo accennato qui tempo fa, e un Fanboy ci ha preso in giro. Ora che il triangolo Facebook – Skype – Microsoft (anzi, il quadrilatero, con Baidu) prende consistenza, forse Wall Street dovrebbe riguardare Microsoft con occhi diversi: se prima era giurassica e sembrava non capire “l’era Post-Pc” (un’era sopravvalutata, in realtà), ora sembra aver cambiato passo e aggredire i nuovi mercati (social network, tablet con il prossimo Windows 8 eccetera) con maggiore fluidità e leggerezza. Proprio quelle caratteristiche che fino a 3 mesi fa sembravano appannaggio solo di Facebook ed Apple.

Ovviamente non sappiamo se ciò basterà a Microsoft a svecchiarsi o se l’ambiziosa operazione andrà in porto (o se Windows 8 sarà quel che i mercati si aspettano). Ma improvvisamente, mentre Google+ è ganzo e rapido (e fa il pieno di richieste), anche Microsoft pare aver azzecato le ultime mosse. Non sembra più lenta, vecchia, obsoleta? E ad avere invece il passo del bradipo, nel settore social, sembra essere Apple… Nonostante i suoi iDevice a getto-continuo (iPhone 5, 6… iPad 3 o 2 Plus… annunci che hanno rimesso le ali ad Apple a Wall Street), è rimasta Apple con il cerino in mano? Chi lo sa; ma senza una vera strategia 2.0 (fatta eccezione per iCloud nel cloud computing, dove Microsoft e Google sono però pionieri da un quinquennio), pare di sì.

Solo due numeri: iPad genera l’1% del traffico Web a livello mondiale (fonte: comScore). Benissimo. Ma Facebook più Skype muove un bacino fra i 750 milioni e il miliardo di utenti. L’accordo Baidu – Bing porta inoltre in dote a Microsoft un potenziale bacino di oltre 450 milioni di utenti cinesi. Altro che 1% di traffico Web…

Il triangolo no, forse Jobs non l’aveva considerato.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.