665 euro per ogni iPhone tracciato…

Se dovesse pagarli tutti sarebbe un piccolo salasso. Per ora Apple ha aperto il cordone della borsa, ammettendo implicitamente le proprie responsabilità nel caso del tracciamento di iOS. Altro che bug: nell’occhio del ciclone erano finiti il sistema di gestione dei dati di geo-localizzazione e soprattutto il file non cifrato archiviato per un tempo illimitato.

Apple paga 665 euro ad un avvocato sud coreano, utente di iPhone, che aveva accusato la Mela di Cupertino di violazione della privacy e di “danni emotivi” causati dalla geo-localizzazione. Altri 300 sud coreani avevano però aderito alla sua protesta online contro Apple. Ma, se Apple dovesse pagare 665 euro per ogni iPhone tracciato, ai 3 milioni di utenti sud coreani, a quanto ammonterebbe il danno?

Per non parlare delle eventuali Class Action in giro per il mondo. Da Emozione Apple ai danni emotivi…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.