Lui, lei, l’altro. Confermato lo smarrimento di iPhone 5

Lui è l’iPhone5, il prossimo gadget di culto, l’oggetto dei desideri su cui tutti vorrebbero mettere le mani prima dell’evento ufficiale. Già profanato, venduto online su Craiglist, il sito dei tradimenti anche un po’ sordidi. Lei è Apple, che come al solito è un po’ altezzosa e paranoica, maniaca dei dettagli e del controllo, circondata da poliziotti privati come ogni miliardaria californiana: avara di commenti, as usual. L’altro è il possessore del prototipo, localizzato da remoto in una casa di due piani nel quartiere di San Francisco. La scena del crimine: Bernal Heights, dove però non sarebbe saltato fuori ad una perquisizione con ben sei (finti) poliziotti. L’ultimo avvistamento legittimo? In un tequila bar, il Cava 22 di San Francisco. Le tracce: non sono la classica macchia di rossetto sul colletto della camicia di Lui… Bensì tracce elettroniche, scie telematiche. Per ora, volatilizzate. Ma – se è un giallo in piena regola, e pare che lo sia! – aspettiamo la scena clou. DA DA DAAAAAAAN…

(Del plot non manca nessun ingrediente: l’ossessione del controllo di Apple, la fuga di notizie, le strategie invasive e megalomani, il clima paranoide, il terrore per ciò che esce dalle recinzioni dei pifferai magici del nuovo info-yotismo, il toyotismo just-in-time applicato al mondo delle news nell’era di Jobs… Insomma, come scrive il Blog Melamente Assorto, il solito stato (di polizia) dentro lo stato, il “rinserriamo i ranghi” all’interno del fort knox della Foxconn-statunitense per antonomasia)

…Alla prossima puntata.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.