Appello a La Repubblica: ma non siete democratici contro gli squadroni della morte e le milizie private?

Repubblica.it scrive: “(…) Detto con parole semplici, Apple cerca due perfetti agenti 007 con finissimo fiuto per eventuali “fughe” (di prototipi come di idee), ma nello steso tempo con tatto e grazia, al fine di non instaurare a Cupertino un clima da Alcatraz!

Senza voler essere troppo maliziosi, può darsi che l’apertura di queste nuove posizioni lavorative non abbia assolutamente nulla a che vedere con il clamoroso smarrimento di un prototipo di iPhone di quinta generazione avvenuto la scorsa settimana in un bar di San Francisco (che segue un altro caso identico avvenuto circa un anno prima a danno dell’iphone 4).

La cosa certa è che sul web cominciano a circolare parecchie battute sui pasticcioni ingegneri della Apple! “.

Ecco i pasticcioni di Apple ci interessano solo per il lato goliardico della questione. A noi preme una sfaccettatura meno banale.

Al giornale diretto da Ezioo Mauro facciamo presente che: Apple ha un problema di fuga di notizie e ingneri pasticcioni (altri colossi hi-tech, a cui fossero capitate metà delle gaffes occorse ad Apple, sarebbero già crollate in Borsa: Apple no, perché è una setta in cui avere fede, e non un’azienda normale; è inutile girarci intorno…); altresì, da quanto emerge, Apple avrebbe violato leggi dello stato di Diritto.

Scrive il Blog Melamente Assorto: “Sotto che razza di qualifica si sono presentati a Calderon, questi fantomatici “impiegati della sicurezza” di Apple? Si sono correttamente identificati come “milizia privata” della multinazionale multimiliardaria che per pubblicizzarsi, anni fa, usava l’immagine di Gandhi, del Dalai Lama e di Martin Luther King; oppure si sono spacciati per colleghi dei quattro agenti della polizia di San Francisco che aspettavano fuori (e che Calderon ha visto, ovviamente)?”

I due dipendenti Apple si sono finti poliziotti solo per farsi aprire la porta di un cittadino raggiunto tramite gli strumenti di Kill switch, Gps e recupero da remoto?

Se sì, quali diritti (umani e giuridici) sono stati negati al giovane Calderòn durante un’ispezione illegale di casa sua ad opera di Apple? Viviamo in uno “stato di polizia” dove Apple può fare ciò che le aggrada? O in uno Stato di Diritto dove godiamo di diritti costituzionali?

La Repubblica, un glorioso giornale, sempre a fianco dei democratici, contro gli squadroni della morte e le milizie private, perché sorvola su questo aspetto inquietante della notizia? Perché non riporta questa notizia, ma gioca solo sugli “ingegneri pasticcioni” (ma in fondo innocui e anzi “funzionali” al viral marketing di Apple)?

Se vuole risponderci Vittorio Zambardino (e dirci anche come mai nessuno abbia voluto recensire “Mela marcia” nel mainstream  – quando i nostri precedenti libri sono sempre stati recensiti dal quotidiano La Repubblica o dai suoi allegati), gli sarei personalmente grata. Per pura curiosità 🙂

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Appello a La Repubblica: ma non siete democratici contro gli squadroni della morte e le milizie private?

  1. MacRaiser scrive:

    Mezz’euro che non risponde 😉

  2. Mirella scrive:

    Una pizza! Ma sono ottimista di natura… il mood cambia, a volte, altro che se cambia – basta vedere com’è cambiato su Rupert Murdoch 😉

  3. MacRaiser scrive:

    Naomi Klein ti risponderebbe che il marchio di Sky e’ un marchio debole. Quello di Apple ha una forza immensa. Perche’ Sky vende prodotti contrassegnati con un marchio, mentre Apple vende un marchio condito da prodotti.

  4. Mirella scrive:

    Verissimo! Ma Zambardino fu il secondo giornalista a scriverci per chiederci il libro (la prima fu una giornalista del Giornale che poi ha parlato di noi), e da allora non l’abbiamo più sentito. Diciamo che mi piacerebbe sapere perché. Sarò ingenua… ma è pura curiosità.

  5. Mirella scrive:

    Hai ragione, MacRaiser. Che illusione: http://melamarcia.nessungrandenemico.org/2011/09/07/bookmarks-di-sabina-minardi-piu-blowjobs-per-tutti/

    qui siamo in 1984, la Pravda, lo stalinismo unito al berlusconismo…

I commenti sono chiusi.