Stay hungry, stay foolish

Il pendolo delle libertà digitali, Steve Jobs non avrebbe saputo né voluto riportare indietro. Si rassegnino i suoi Fan. Jobs ha portato all’apogeo il concetto di “giardino recintato” e di feudalesimo digitale, in cui, chiuso dentro il Walled Garden, l’utente è il classico pollo da spennare all’ultimo cent. E non è un concetto libertario, anzi. Come non c’è nulla di libertario in Foxconn dove decine di operai sono morti suicidi, alla catena di iPhone e iPad. Certo, accanto a questo Jobs dal sapore totalitario, non dimentichiamo il suo passato. Il Jobs dei trip lisergici, che ha sdoganato l’altra California, ex hippy e rivoluzionaria. Ma ricordiamoci che il vero libertario era l’altro Steve: Wozniak. “Stay hungry, stay foolish” rimane comunque un bel motto, in un’era in cui c’è crisi ma i Ceo guadagnano 343 volte la paga media dei loro dipendenti, senza inventare nulla. Addio Steve, l’artista, il mago del marketing

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Stay hungry, stay foolish

  1. uno che passa di qui scrive:

    Siete spinti da una voglia matta di sputare su Jobs. Un capitalista, perché tale è. Ma anche un uomo che ha inventato una quantità di robe impressionanti. Perché se la mettiamo come fate voi allora che dovremmo dire di Einstein? Ha scoperto la teoria della relatività e quindi è colpa sua per la bomba nucleare? E di Meucci? Capperi, se non avesse inventato il telefono saremmo ancora qui a parlare con le nuvole di fumo. Suvvia, tiriamo fuori le contraddizioni del capitalismo anche quello radical chic, ma non facciamo i saccentoni. Si rischia di cadere per terra e farsi male, parecchio male se ci si erge su un piedistallo.

  2. fb scrive:

    …l’unico a cadere oggi, giù dal piedistallo, mi pare il titolo Apple!

  3. MacRaiser scrive:

    Appena “ripassi di qui” mi potresti gentilmente dire -cosa- esattamente ha “inventato” Steve Jobs?

  4. Antonio scrive:

    Il NeXT con il quale Tim Berners Lee ha creato l’HTML.

  5. mirella scrive:

    «Quando era alla NeXT — scrive il docente universitario di Stanford Robert Sutton, nel best seller Il metodo antistronzi — Steve cominciò a urlare, a disperarsi e a lanciare minacce a destra e a manca perché la sfumatura di bianco sui nuovi furgoni dell’azienda non corrispondeva esattamente a quella utilizzata per tinteggiare i muri dell’impianto di produzione della società. Per rabbonirlo, i dirigenti persero un sacco di tempo per far ridipingere i camion».
    Nel 2003, Wired pubblicò un servizio su una rimpatriata di 1.300 ex dipendenti della Mela. Pur non partecipando all’incontro, Jobs fu il soggetto principale di tutte le conversazioni, per lo più incentrate sulle sue ramanzine e capricci. «Un ex manager — si legge nell’articolo — ricorda di quella volta che Steve convocò un team di ingegneri per dire loro che sarebbero stati licenziati non appena tornati dalle vacanze di Natale». Il commento del vecchio collaboratore? «Una cosa orribile da fare prima delle festività». E per chi lo deludeva non c’era una seconda chance. «Un altro ex dipendente – continua Wired — racconta di come ‘Steve mi abbia mangiato la faccia’ per aver presentato un progetto che non raggiungeva i suoi standard». Jobs cominciò a fargli terra bruciata attorno e dopo un paio di mesi il collaboratore fu costretto a lasciare l’azienda. Aveva lavorato alla Apple per dieci anni.

    DA: “BULLO E CINICO; L’ALTRA FACCIA DI STEVE JOBS”
    http://qn.quotidiano.net/primo_piano/2011/10/07/595675-bullo_cinico_altra_faccia_steve.shtml

  6. fb scrive:

    Tim Berners-Lee ha dato l’allarme contro i Walled Garden di App Store e di Facebook. Anch’io scrivo con dei Mac (ma ci gira Linux), e allora?

    Tim Berners-Lee: Apple e Facxebook soffocano il Web
    http://punto-informatico.it/3042101/PI/News/berners-lee-apple-facebook-soffocano-web.aspx

  7. MacRaiser scrive:

    “NEXTSTEP è formato da diverse componenti:

    * Un sistema operativo —Unix-like— basato su —kernel Mach— con codice —BSD UNIX– integrato
    * Display PostScript per gestire l’interfaccia grafica
    * Il linguaggio Objective-C
    * La gestione orientata agli oggetti del sistema operativo e le sue librerie
    * Applicazioni per lo sviluppo rapido delle applicazioni orientate agli oggetti”

    Da Wikipedia.

    Vorrei sapere chi vi mette in testa queste baggianate. Steve Jobs non ha inventato un piffero. Quello che ha fatto per tutta la vita e’ di riassemblare cio’ che -gli altri- avevano gia’ inventato, reimpacchettarlo in una bella confeszione di lusso e rivenderlo a x volte il suo prezzo.

  8. fb scrive:

    Ma noi abbiamo la sinistra radikal-chic… Bastava vedere cosa ci hanno raccontato ieri sera su Rai3… Neanche un esponenente del mondo GNU/Linux!!! Paolucci di Microsoft sembrava un genio in confronto a Veltroni-Fanboy…

I commenti sono chiusi.