Con Jobs è morta la sinistra italiana (Dai, che un contadino cinese in risaia ci metterebbe la firma per lavorare in Foxconn…)

Il senso critico dev’essere un optional per chi proviene da un partito, passato dai Gulag e dai carrarmati in Ungheria all’iPad. Dall’ideologia all’idolatria. Ma ieri sera su Rai3 abbiamo raggiunto il colmo. Giovanna Botteri è convinta che la primavera araba sia merito di Steve Jobs (e non di Google!): ignora che Steve Jobs urlò che “Non voleva una nazione di blogger!”. Come Berlusconi, per altro.

Perfino uno stralunato Riccardo Luna le ha dovuto offrire un bagno di realtà: a Piazza Tahir forse avevano cellulari da una manciata di euro (Nokia o Zte…), e non si potevano certamente permettere l’ “iPhone, l’iPad e l’iPod Touch” da centinaia di dollari

Vittorio Zucconi ci ha datto degli “ideologizzati” perché osiamo RACCONTARE LA VERITA’. Ha detto qualcosa come: “Barletta è peggio di Foxconn…“. Con tutto il rispetto per i morti (che per me sono tutti uguali e meritano tutti il medesimo rispetto), da un laboratorio clandestino di Barletta, puoi uscire (se non ti crolla il soffitto in testa); dentro Foxconn, gli operai vivono “murati vivi” finché non si suicidano. A 51 centesimi l’ora. Meno che a Barletta, caro Zucconi: e non possono neanche avere “una vita e relazioni intime” dentro Foxconn… Ma i Progressisti, davanti al progresso diventano acritici.

Della censura di MolleIndustria e delle Apps, nessuno ha sentito l’urgenza di parlarne. Dai soviet alla censura di Apple, il passo forse è stato più breve del previsto… Ma a farne le spese è il “senso critico“.

Abbiamo letto di tutto. Nauseabondi necrologi. Zuccherosissimi elogi. Jobs, uno che ha copiato tutto da tutti (a partire dai brevetti Xerox per l’interfaccia intuitiva), è esaltato come il nuovo Leonardo o Einstein. Il più naif degli elogi dice che Jobs ora ci guarderà dalla sua iCloud (letto su un blog di Repubblica). Ma il meglio lo ha scritto su Facebook un professore di Tor Vergata: “Il tasso di suicidi in foxconn e’ inferiore al tasso medio dei suicidi in cina, confrontabile con quello medio negli usa e, per dire, molto inferiore al tasso medio di suicidi tra i militari usa. se ci perdo un po’ di tempo trovo pure i dati. dai, che un contadino cinese in risaia ci metterebbe la firma per lavorare in foxconn“.

Ecco la sinistra Radikal-chic italiana. Fra Bill Gates e Steve Jobs, non ha mai tifato per gli Hacker del Free Software e dell’Open source. Ignora Linus Torvalds e Richard Stallman! Fra Bill Gates che va in Africa a salvare i bambini dalla malaria e dal morbillo, la Sinistra italiana di Walter Veltroni ha scelto un miliardario che voleva diventare ricco: 7 miliardi di dollari secondo Forbes. E poi ci vuole dare una lezione di civiltà e progresso, spiegandoci perché tollera Foxconn. Come ha scritto V.Z.: “Che è il motivo – la condizione dei contadini – per cui, da sempre, si va a lavorare in fabbrica“.
In Italia si tollera che le operaie di Barletta muoiano sotto le macerie (sepolte vive, fino all’agonia) perché 3,95 euro euro in nero “sono meglio di niente” in epoca di crisi (Sindaco PD).

Come fa un operaio da 1200 euro o un precario da 400 euro al mese a “fidarsi” di una sinistra che predica il Fanboys-pensiero? E giustifica lo schiavismo in Foxconn?

E poi dobbiamo diventare tutti Fanboys di Apple e degli iDevice perché Foxconn rappresenta “il migliore dei mondi possibili” per i contadini affamati cinesi. E’ la globalizzazione, bellezza!

Vent’anni di berlusconismo e trent’anni di Reaganomics ci hanno forse annichilito i neuroni? Mentre andava in onda la pubblicità di Apple in grande stile, la Tv berlsconiasna e di destra, RETE4, faceva uno SPECIAL sulle morte di Barletta. E solo due testate, del giro di destra, come Dagospia e La Nazione osano titoli critici su Apple.

Con Jobs è morta la sinistra italiana…

P.S: Per la cronaca: Apple non ha “miliardi di utenti” ma Mac Os X è inchiodato al 5% da anni (mentre Windows veleggia al 90% circa) e iOS ha market share più che dimezzato rispetto al più giovane Android.

(Alessandro Gilioli, pur usando device del marchio Apple, è l’unico che ha provato ad offrire una visione critica nella trasmissione. Ovviamente è stato zittito…)

Sul capitolo Orwell e Grande Fratello, scriveremo un Post a parte. _Un post a parte sarà dedicato a chi non sa che cosa sia Foxconn.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

31 risposte a Con Jobs è morta la sinistra italiana (Dai, che un contadino cinese in risaia ci metterebbe la firma per lavorare in Foxconn…)

  1. mario scrive:

    Hai dimenticato di citare Orwell e il Grande Fratello.

  2. fb scrive:

    Davvero! Su Rai3 sembrava che fosse Apple ancora quella del 1984 o del ’97… Che tristezza… Certo è che se questo è il livello di disinformazione, in Italia c’è davvero un grosso problema…

  3. mario scrive:

    Non capire l’ironia è una gran brutta cosa…

  4. fb scrive:

    Ma sei tu che non l’hai capita! Grazie dell’ottimo spunto 😉

  5. MacRaiser scrive:

    Giusto. Pero’ anche non accorgersi di riscrivere lo stesso articolo, con lo stesso titolo “Stay hungry. Stay foolish.”, che hanno gia’ scritto in migliaia di altri nel web, pieno delle stesse balle siderali divenute ormai luoghi comuni, non e’ che sia proprio il massimo.

  6. mario scrive:

    Quando si parla di Apple e di Jobs è quasi impossibile non usare luoghi comuni. Lo si fa qui, lo fai tu, l’ho fatto io.

  7. MacRaiser scrive:

    Per la cronaca:
    Balla n.1: Nessun Mac funziona, ne’ ha mai potuto funzionare, senza collegare cavi. Il primo Mac, del quale parli senza conoscerlo, evidentemente, aveva come minimo 3 cavi da collegare: alimentazione, mouse e tastiera.
    Balla n.2: I computer colorati esistevano da prima che li introducesse Apple.
    Balla n.3: I portatili “grandi come scatole di cioccolatini” ce ne erano da prima che li introducesse Apple.
    Balla n.4: I lettori mp3 c’erano da parecchio prima che nascesse l’iPod (che e’ brevetto rubato da Apple al suo vero inventore, per il quale ha dovuto pagare, anni dopo, tanti bei dollaroni).
    Balla n.5: I cellulari “senza tastiera e con lo schermo enorme” c’erano da parecchio prima che uscisse l’iPhone. Mai sentito parlare di Palm, tanto per dirne una?
    Balla n.6: Il multi-touch non l’ha inventato o anche solo usato Apple per la prima volta. C’era gia’, tanto e’ vero che alla stessa Apple e’ stato negato di registrare il termine come proprietario.
    Balla n.7: Portatili leggerissimi e senza lettore dvd ne esistevano a frotte, prima dell’uscita del MacBook Air. Si chiamano NetBook.
    Balla n.8: Se con la frase “Un computer da sette etti senza tastiera né mouse.” ti riferisci all’iPad, ti comunico che Steve Jobs stesso ha dichiarato piu’ volte “L’iPad non e’ un computer”:
    Balla n.9: Comandare il cellulare con la voce e’ cosa nota e praticata da ben prima dell’uscita dell’iPhone.

    Insomma, se non erro in un articolo di 14 righe sei stato in grado di scrivere ben 9 panzane. Complimenti per la media.

  8. mario scrive:

    Visto che sei così sicuro che parlo del primo Mac senza conoscerlo pur non sapendo chi io sia né di che esperienza io abbia con i Mac, ti lascio volentieri a urlare nella tua camera anecoica.

  9. MacRaiser scrive:

    Io avrei scritto “luoghi comuni” su Steve Jobs e Apple? Esilarante 😀 E quali sarebbero,? :p

  10. MacRaiser scrive:

    E chi ha urlato? Ho solo smontato le tue frottole (che non sono solo “tue”, per carita’… e infatti li ho chiamati “luoghi comuni”), tutto qui. Se il cio’ ti provoca irritazione, non e’ colpa mia. Bastava informarsi, prima di scrivere.

  11. Lynx scrive:

    L’ultimo ad aver “cambiato i destini del mondo” è stato un Rivoluzionario (secgliete voi quale: per alcuni è Cristo, per altri Marx, per altri i ragazzi di OccupyWallStreet!). E senza Apps. La Sinistra italiana senza-idea, dopo aver cercato di mettere il cappello sulla manifestazione spontanea delle donne di “Se non ora quando?”, cerca di cooptarte i Fanboys… La sindrome perdente del “clubbino”, chiuso, la monade senza porte né finestre sul mondo?

  12. fb scrive:

    Le balle dei Fanboys hanno conquistato la Sinistra, senza SE e senza MA. Acritica, come già troppe volte in passato. E dunque… Più che occhio al “governo con le Tod’s” (che sarebbe un governo del fare), occhio al “governo con l’iPhone”… Dei Marchionne in golfino stile Jobs, fidatevi pure voi… Serve un “Partito dei pirati” come in Svezia e Berlino!!!

  13. Serve-un-Partito-dei-pirati scrive:

    A certa sinistra piace dare le “lezioni di stile”, i diktat da soviet, il decalogo da “so-tutto-io”… Di qua i buoni che usano iPhone-iPad, di là i kattivi, poveri “ignoranti privi di gusto”. Di qua quelli sempre democratici, di là i teppisti. Di qua chi è a favore di 10-100-1000 Foxconn, perché è meglio dare lavoro comunque (anche in regime di schiavitù), di là quelli che sono Padronali e Sfruttatori anche se è vero l’inverso… E con queste divisioni, da maestrine dalla penna rossa, la Sinistra italiana sta creando un solco fra se stessa e il Paese Reale, quello che non arriva a 800 euro al mese e non puo’ certo permettersi l’iPad! C’è un paese che arranca, ma che sa che Steve Jobs non è l’artefice della “primavera araba” (la giornalista Botteri pensa che i tunisi abbiano l’iPhone o l’iPad… Ma non lo sa che, in India, un paese del BRIC – dunque piu’ evoluto -, solo l’8% ha la connessione Internet??? Non lo sa che Jobs ha detto “Non vogliamo un pase di blogger!”…)
    Questa sinistra si conferma radical-chic non solo nell’estetica, ma proprio nell’atteggiamento sprezzante con cui guarda dall’alto in basso “chi non la pensa come lei”… E, se lo fa nell’Hi-tech, ci si domanda: una volta al Potere, lo farà anche in altri settori ben più vitali per la vita democratica di un paese? Ricordiamo Napoli 2011 (pochi mesi di Genova: c’era D’Alema al governo o no?).

    La sinistra italiana sta diventando lo specchio della Società dello Spettacolo… Alla fine, i ragazzi sceglieranno OccupyWallStreet, invece che votare per un’alternativa a sinistra… che occasione persa per l’opposizione…

  14. fb scrive:

    Dev’essere il centralismo democratica nell’era dell’autocrazia Jobsiana… il meglio e’ stato quando ieri su RAI3 uno ha detto: “una volta il Mac aveva solo il 5%”. Forse ora credono che abbia un market share pazzesco??? Ma che film hanno visto?! Mac è fermo lì da secoli (vende bene, ma le percentuali sono quelle), Android ha circa il doppio di Apple iOS… e le prevendite di Kindle Fire, il tablet Android da 199 dollari di Amazon, stanno battendo iPad:
    http://www.itespresso.it/kindle-fire-in-prevendita-batte-ipad-54413.html

    E poi se Vodafone comprasse Rim Blackberry?
    http://www.itespresso.it/rim-nel-mirino-di-vodafone-54232.html

    E l’iPhone 4S sembra il solito iPhone solo con qualche cosina in più che Android ha da mesi e mesi…

    E questi sarebbero giornalisti? O si fanno i filmini? Mah!

  15. Flavio scrive:

    Io più che altro ho visto sia destra che sinistra fare l’elogio a Jobs, questo articolo è veramente ridicolo come chi l’ha scritto.

  16. fb scrive:

    Si vede che non leggi tutto… A destra hanno fatto l’elogio del CAPITALISMO della Silicon Valley, della Reaganomics e hanno spiegato perché la parabola di Jobs è americanissima ma perché è interessante in un paese come il nostro impiccato alla difesa ad oltranza dell’Articolo 18: Jobs licenziava chiunque, anche per una risposta sbagliata in ascensore!!! Dunque viva Jobs per il Sacconi e Brunetta style!

    A sinistra è stato invece fatto l’elogio del MARCHIO APPLE. Senza riflessioni. Solo perché dovremmo tutti comprarci un iPhone o un iPad, e se non lo facciamo, è perché siamo “quelli che sbagliano”… Sembrava di essere a “fare il bagno è di destra, fare la doccia di sinistra”… roba anni ’70!

    L’apologia del Fanboys allo stato puro!

    I giornali di destra hanno elogiato il Jobs-che-è-in-Marchionne: hanno fatto il loro lavoro… Anche perché Jobs come Mister B “non ama un paese di blogger!”. Guarda caso in questi giorni un comma del DDL intercettazione voleva censurare i blog come se nulla fosse… a proposito: grazie a Wikipedia per aver salvcato la libertà d’espressione in Italia! L’unica cosa in cui non sarebbero andati d’accordo Jobs e Mister B è il Porno: alla destra piace la porno-politica, il “partito della gnocca”, Jobs invece è stato un puritano con la lotta alle apps porno o anche solo osé…

    Ma sulla segretezza, sul marketing spinto ai limiti della biopolitica… beh, tante cose hanno in comune!

    Dunque alla Destra elogiare Jobs era “fisiologico”. Per la Sinistra, è un bel triplo salto mortale. E pensare che essere di Sinistra sarebbe tifare per il Free Software e i sistemi aperti! Non per quelli chiusi e proprietari…

    Forse non leggi i giornali o segui i dibattiti in Tv? O ti è sfuggito il dibattito di RAI3?

  17. Mirella scrive:

    La mela marcia su RADIO ONDA ROSSA:
    http://www.archive.org/download/070911NecrologioSteveJobs/necrologiostevejobs.mp
    Un necrologio su Steve Jobs, fondatore della Apple, insieme a Graffio.
    Quello che nessuno dice l’indomani della sua morte.

    Durata 8’15”
    http://www.ondarossa.info/newsredazione/la-mela-marcia

  18. Pingback: E’ morto Stefano Lavori !!! « wikicosi.it

  19. Yoda scrive:

    “Bell’informazione” questa che ci propina la tv… Meno male esiste la Rete e blog come questo e Melamente Assorto. Altrimenti, a quest’ora, avremmo un popolo di adepti al culto della mela e del suo guru ormai defunto. Poi, questa della Sinistra, che adora uno dei simboli del capitalismo più spietato e cinico, è un'”anomalia” davvero curiosa, su cui c’è da riflettere. Certo che (dis)informare in questo modo e far passare Steve Jobs per un benefattore, che ha donato al mondo chissà quali “grandi” invenzioni, è a dir poco grottesco. Eppure, questo si è visto in tv…

  20. Marco scrive:

    Le frottole le hai scritte tu, hai un ignoranza tipica di chi non sa di cosa parlare e parla di tutto.
    1) l’attuale imac a solo l’alimentazione, il mouse e la tastiera sono senza fili.
    2) Citami un computer colorato pre apple???
    3) il primo portatile commercializzato era l’osborne del 81 (portatile per modo dire), ma il primo portatile della apple 89 fu mandato nello spazio dalla NASA a bordo dello Space Shuttle STS-43 e utilizzato per l’invio, tramite Apple Link, del primo messaggio di posta elettronica mai inviato dallo spazio.
    4) certo gli mp3 c’era anche prima, ma io non li chiamerei lettori mp3, ma chiavate usb, non avevano la minima gestione di ordinamento per artista, canzone, album ecc, apple non ha inventato come leggere gli mp3, ha inventato come dovevano essere i lettori mp3.
    5) iphone è stato il primo telefono senza tasti (a parte il tasto home, al epoca era tabu una cosa simile) e con il touch capacitivo e gesture, non confondere i touch con pennino che sono un altra cosa.
    6)gli hanno vietato di brevettare il nome touch come marchio registrato, essendo il termine touch troppo generico e usato, non perchè non l’ha inventato, infatti i brevetti sul utilizzo sono ancora suoi, quante balle che hai scritto…
    7)ma come sei ignorante??? dai trovani un notebook (perchè questo è) cosi sottile, con ssd e cosi potente, hai la portatilità di un netbook e la potenza di un notebook, qui hai superato te stesso davvero…
    8) A si qui si che hai argomentato , lo conoscevi steve? dai per piacere ridicolo.
    9) Non hai mai letto i brevetti che stanno dietro a SIRI e non perdo tempo a spiegartelo, e lo stesso dei telefoni pre iphone che avevano il touch, ma nessuno li voleva, ora tu dici che già ci sono i telefoni con comandi vocali , è vero ed è anche vero che nessuno li usa, scommetto quello che vuoi che tra 2 anni tutti parleranno al loro telefono, e sai perchè? perchè SIRI a differenza degli altri funzionerà 🙂

    Mi dispiace deluderdi, ma apple con xerox ha introdotto il mouse quando la stessa xerox pensava fosse inutile e ora tutti lo usiamo, apple ha introdotto il touch quando tutti lo trovavano scomodo e inutile e ora è su tutti i telefoni, oggi parliamo di SIRI, dal mouse alle parole, Steve a cambiato il mondo che ti piaccia o no.

  21. Marco scrive:

    ma come sei ignorante, apple con ipod, iphone, ipad, e i mac ha un mercato che va ben oltre il 5 %, sono con i mac è quasi al 10 % e negli stati uniti è sopra al 15%, se consideri che osx e ios non possono essere installati se non in hardware apple sono numeri giganteschi.
    Ma che te lo spiego a fare???

  22. Marco scrive:

    l’anomalia sei tu, Steve Jobs che piaccia o no a cambiato il mondo, se era per i dirigenti xerox ora il mouse sarebbe sepolto, dopo tutto hai mai visto il mouse della xerox??? dai, se non era per gli investimenti e l’intuito di jobs eri ancora a comandare tutto da tastiera e anzi a programmare i computer!!!
    Anche Bill visito i laboratori di Xerox ,ma come mai solo a Steve e venuto in mente che con quello aggeggio avrebbe cambiato il mondo??? per non parlare della NExt e della pixar.
    Siete essere cosi piccoli che nella vostra vita non sapete altro che sfogare le vostre frustrazioni in rete (come quello che ha scritto l’articolo), ma nella vostra misera vita non riuscirete neanche a creare un milionesimo di quello che ha creato la apple, siete cosi piccoli, ma gridate cosi forte, mi fate tenerezza.

  23. Fb scrive:

    Guadagno moltissimo con l’hi-tech, forse 5-6 volte te, Marco… Sei tu che mi fai tenerezza… Fanboy sottopagato?

  24. Fb scrive:

    Android ha il doppio del mercato di iOS nel mercato smartphone: secondo Canalys, alla fine del secondo trimestre dell’anno era installato sul 47,6%degli smartphone circolanti nel mondo; mentre al secondo posto si piazza iOs con il 18,9%, seguito da Symbian con il 16,8% e Rim con l’11,6%.

    Il Mac a livello MONDIALE e’ al 5% (chissenefrega negli Usa!), Linux all’1%: “In August 2011, Gartner estimated Apple’s PC market share in US as 10.7% for Q2 2011. Apple’s worldwide market share not listed, because not in top 5; can infer is 5% or below. ”

    Sai leggere l’inglese?

    iPad è l’unico che va bene nel mercato tablet: ma è crollato dal 95% al 75% in pochi mesi.

    E Kindle Fire batte iPad nelle prevendite:
    http://www.itespresso.it/kindle-fire-in-prevendita-batte-ipad-54413.html

    Forse Marco hai qualche problema… O vorresti convincerci che un iPod è un computer??????

  25. Fb scrive:

    http://www.gartner.com/it/page.jsp?id=1744216

    I tuoi dati arrivano dalle Patatine Pai?

  26. MacRaiser scrive:

    Fosse stato per Steve Jobs, dovresti ancora premere il tasto “ctrl” per emulare il tasto destro e attivare i menu contestuali (per esempio). E per scorrere, dovresti ancora andare a pigiare sulle frecce a lato delle finestre. Come tutti gli utenti Mac non dotatisi, di un mouse di altra marca acquistato a parte, hanno dovuto fare per un ventennio circa.

    Ma a parte le storie dell’informatica “aggiustate” by propaganda Apple, adesso voglio presentare una mozione d’ordine a Mirella e alla redazione di MM. Leggo sempre piu’ spesso frasi tipo:

    “l’anomalia sei tu”
    “Siete essere cosi piccoli che nella vostra vita non sapete altro che sfogare le vostre frustrazioni… bla bla”
    “nella vostra misera vita non riuscirete… bla bla”
    “per me siete ridicoli”
    “questo articolo è veramente ridicolo come chi l’ha scritto”

    Ora vorrei capire per quale ragione i commentatori fan di Steve Jobs si possono sentire autorizzati ad insultare chi non la pensa come loro nel momento in cui si trovano a corto di argomenti. Se uno non ha argomenti, dovrebbe tacere oppure (ancor piu’ auspicabile) dire: “si, effettivamente tu hai ragione e io torto”. A meno che la critica nei confronti delle politiche di Apple e di Steve Jobs venga equiparata alla bestemmia o al vilipendio; nel qual caso tutto si spiega. Perche’ altrimenti non si comprende come mai in questo blog si tollera che gli autori degli articoli, oltre che i commentatori che li approvano, vengano sistematicamente ingiuriati dal fan (fan sta per fanatico, voglio ricordarlo) di una delle multinazionali piu potenti del globo.

    Personalmente di venire qui per sentirmi dare del “frustrato” o del “misero” solo perche’ ho dimostrato, nero su bianco, che tizio o caio hanno scritto l’ennesima frottola mitologica, non e’ che muoia dalla voglia. E penso neppure voi.

  27. Yoda scrive:

    E’ inutile dire che condivido quanto scritto dall’ottimo MacRaiser. L’anomalia della quale ho parlato è un dato di fatto. Però, il fanboy di turno non gradisce e si sente in diritto di offendere e di sparare le solite frottole…

  28. mario scrive:

    1. Evidentemente non ricordi i pc dell’epoca e i loro grovigli di cavi.
    2. Ho scritto “computer di plastica colorata e senza il lettore per i floppy disk”. Lo so che c’erano computer colorati.
    3. Prima del Cube o del Mac Mini? Io ho parlato di “computer”, non di “portatili”.
    4. Con quelle dimensioni *e* quella capacità? E quella interfaccia?
    5. Già, Palm. Mi citi per favore un modello senza tastiera precedente all’iPhone?
    6. Certo, il multi-touch l’ha inventato FingerWorks, che poi è stata acquisita da Apple. Quanti conoscono i dispositivi prodotti da FingerWorks? In ogni caso, ad Apple è stato negato di registrare Multi-Touch *come marchio*, il che significa solo che altre aziende possono dire che i loro dispositivi sono multi-touch. Non è un giudizio di valore.
    7. Ah, i netbook! Com’è che adesso si parla di una nuova categoria chiamata “ultrabook”, di cui al momento fa parte solo il MacBook Air?
    8. Dicendo così Jobs parlava di progettazione di hardware e software, non certo dell’uso che ne fa un utente.
    9. Citami un altro cellulare che fa ricerche su WolframAlpha quando glielo chiedi a voce.

    I punti 6, 8 e 9 sono un buon esempio di uso di “luogo comune” da parte tua, tanto per rispondere alla tua obiezione precedente.

    Ossequi.

  29. MacRaiser scrive:

    1) Hai descritto il Mac come: “Un computer che usciva da una scatola ed era pronto a funzionare, senza dover collegare cavi”: assolutamente falso.
    2) E’ vero che i primi computer ad essere privati del floppy furono gli iMac colorati, come no. Ma fu solo un “beau geste” a danno dei clienti, come al solito, dato una consistente parte degli acquirenti dell’iMac colorato furono costretti ad comprare costosi lettori floppy Iomega esterni usb (fabbricati ad hoc) per mantenere la compatibilita’ con i PC e gli altri Mac e fare il trasbordo dei dati. Altrettanti furono costretti ad acquistare un mouse decente per sostituire l’orrenda quanto malfunzionante “saponetta” in dotazione. Ma io non ho scritto che la rimozione del floppy era una balla. Anzi, e’ una delle pochissime cose vere che hai citato.
    3) Eccome. Anche piu’ piccolo. Ne cito uno pescando dalla memoria: ZX Spectrum. Balla confermata.
    4) Mp3 significa mp3 player, non mp3 player con la supercazzola. Nel tuo post non hai citato supercazzole. Lo avessi fatto, ti avrei risposto diversamente, ma non lo hai fatto. Evitiamo quindi di ciurlare nel manico per favore. Balla confermata.
    5) Come no. Per esempio HTC Charmer, uscito un anno prima di iPhone. O anche il Gene, uscito alcuni mesi prima. Poi c’e’ l’LG Prada, ad esempio; uscito a inizio 2007: 6 mesi prima di iPhone. Balla confermata.
    6) Steve Jobs non ha inventato, ne’ ha ideato, ne’ immaginato il multi touch. L’ha solo comprato da chi l’ha immaginato, come del resto puo’ fare chiunque abbia tanti soldi. Mi fa piacere che siamo d’accordo. Balla confermata.
    7) Hai scritto: “Un portatile leggerissimo e senza lettore Dvd.” Ti ho semplicemente ricordato che MacBook Air e’ solo l’ennesimo. Lo vuoi chiamare NetBook? Fallo. Lo vuoi chiamare UltraBook? Accomodati. Questo non cambia di una virgola il fatto che il MacBook Air non e’ stato nemmeno lontanamente “il primo portatile leggerissimo senza lettore DVD”. Balla confermata.
    8) Tu hai scritto: “Un computer da sette etti senza tastiera né mouse”. Steve Jobs (e molti altri, io tra quelli) hanno dichiarato che iPad NON e’ un computer. Mi sembra piu’ che abbastanza, ma andiamo oltre e seguiamo la tua logica. Se il computer si definisce non in base al software che ci gira e all’hardware col quale viene assemblato, ma in base all’uso che ne fa l’utente, allora certamente anche il Nintendo DS e’ un computer. Peccato che non e’ cosi’, quindi: balla confermata.
    9) Tu hai scritto “Un telefono al quale dire cosa fare e che risponde in modo intelligente”, non “un cellulare che fa ricerche su WolframAlpha o che spara peti quando glielo chiedi a voce”. Io ti ho risposto che iPhone non e’ neppure lontanamente il primo telefono che viene comandato via voce. Non e’ che puoi girare la frittata come ti pare. Balla confermata.
    10) Non vedo come lo sbugiardare le tue panzane farcite di luoghi comuni possa essere considerato a sua volta “luogo comune”. E’ una logica che non funziona. E comunque tu hai affermato che io ho scritto “luoghi comuni su Apple e Jobs” -prima- che io ti rispondessi punto per punto. Attendo ansioso di conoscerli.

    P.S. Ma non dovevi “lasciarmi solo a urlare nella mia camera anecoica”?

  30. mirella scrive:

    Concordo! I commenti di insulto verranno eliminati…

  31. mirella scrive:

    La Apple e la mitologia del garage: i retroscena di un piccolo grande imbroglio
    http://cgubi.tumblr.com/post/11222666751/la-apple-e-la-mitologia-del-garage-i-retroscena-di-un

    Jobs, Woz e la Atari: i retroscena di una fregatura dietro la leggenda del garage
    http://www.giornalismi.info/gubi/articoli/art_9124.html

    Cinque cose fuori dai denti su Steve Jobs e sulla Apple
    http://senzasoste.it/rete/cinque-cose-fuori-dai-denti-su-steve-jobs-e-sulla-apple#.TpPqAty7YG8.facebook

I commenti sono chiusi.