La porta blindata e i vetri oscurati dello studio di Jony Ive e la sindrome del Bunker

L’ANSA riporta uno stralcio: “Lo studio di design in cui regna Jony Ive, al piano terra del TwoInfinite Loop, nel campus Apple, è protetto da vetri scuri e da una massiccia porta blindata ben serrata. All’ingresso c’è una cabina a vetri con il banco della reception e due sorveglianti che controllano l’entrata. L’accesso è proibito anche alla maggior parte dei dipendenti Apple”. Il genio nella Torre d’Avorio.

Gheddafi pare che sia stato ucciso, dopo aver passato mesi chiuso in un Bunker a urlare ed incitare dei mercenari a un’improbabile resistenza. “Racchiuso in una buca, strillava: non sparate!“.

Che déjà-vu

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.