Google Music sfida iTunes

Il monopolista della musica digitale, Apple iTunes, dovrà vedersela non solo con Amazon, Spotify su Facebook, Last.fm, ma anche con Google Music. Ecco i numeri del servizio musicale su Android Market: 13 milioni di brani musicali; mille etichette musicali, fra cui Vivendi, Universal, Sony ed Emi (unico nèo: manca Warner); canzoni gratis o con prezzo compreso fra 69 centesimi a 1.29 dollarisei concerti live inediti dei Rolling Stones, il primo già disponibile oggi e i restanti nel corso del 2012. Coldplay offrirà a Google concerti in esclusiva. Busta Rhymes ha un singolo gratuito free su Google Music oggi.

Il mercato della musica online, secondo Gartner, cresce nel mondo del 7% nel 2011, e raggiungerà i 6.3 miliardi di dollari, rispetto ai 5.9 miliardi di dollari nel 2010. I servizi in abbonamento cresceranno a 2.2 miliardi di dollari entro il 2015, quando deterranno quasi un terzo (il 29%) di tutta la musica online.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

22 risposte a Google Music sfida iTunes

  1. Andrea scrive:

    Lo scenario si chiama concorrenza monopolistica, non monopolismo. Salvo non voler essere di parte tanto per esserlo .

  2. MacRaiser scrive:

    Non cambia un accidente. Il succo (visto che si tratta sempre di “competizione imperfetta” come per il monopolio puro) e’ che non c’e’ nesso tra domanda e offerta. “Se non e’ zuppa e’ pan bagnato”, dice il proverbio.

    Foglie di fico: ancora e soltanto sporchi, meschini alibi.

    Manca solo che scriva che Apple e’ solo “l’utilizzatrice finale” del neoschiavismo asiatico Foxconn, Winktek, eccetera.

  3. fb scrive:

    Vuoi dire che Andrea è il Ghedini di Apple? Ah quei berlusconiani di Fanboys… 😀

  4. Andrea scrive:

    Fb: bella domanda.

  5. MacRaiser scrive:

    Mavalamavalamavala

  6. Andrea scrive:

    Bel intervento

  7. MacRaiser scrive:

    Giusto quanto basta per lasciarti senza le tue patetiche foglie di fico lessicali.

  8. Andrea scrive:

    Ti ho già risposto alla tua replica ma il mio post non appare eppure ho un telefono symbian e un pc Linux …

  9. fb scrive:

    Sarai finito nell’antispam, capita 😉

  10. MacRaiser scrive:

    Con ogni probabilita’ ancora una volta hai farcito il tuo ennsimo commento con gli ennesimi insulti. Mirella ti aveva avvertito, mi pare. Prova ad evitare gli apprezzamenti sulla persona e a scrivere qualcosa che abbia anche lontanamente a che fare con un argomento sensato o logico. Se evitassi di compincollare i comunicati stampa di Apple sarebbe ancora meglio, ma non vorrei chiexderti troppo. Non oserei mai sovraccaricare di ulteriori gravosi compiti il tuo gia’ gravoso orario di lavoro. Piu’ pesante ancora di quello degli operai Foxconn 😀

  11. mirella scrive:

    Se è per questo, MacRaiser, non passano neanche gli apprezzamenti troppo favorevoli! 😉 Un utente, gentilissimo – e che ringrazio -, ci ha perfino offerto di farci guadagnare con l’Advertising online, ma vogliamo un blog amatoriale e libero. Questo è hobby, non lavoro… 🙂 L’advertising va benone sul lavoro, grazie. @ aNDREA: A VOLTE SI SCRIVE “monopolista”, “oligopolista”, senza dover fare i tecnici pignoli dell’Antitrust, ma il post era chiaro, suvvia… 🙂

  12. Andrea scrive:

    @ Mirella : scuse accettate, non sono intollerante.

  13. MacRaiser scrive:

    Mirella ha fin troppa pazienza, coi tipi come te e col vostro mendacio recidivo. Fossi in lei, una bella pedata nel sedere non te la toglierebbe nessuno.

  14. fb scrive:

    Si potrebbero anche chiudere i commenti, però i Fanboys che commentano, a volte svelano molto di più di quanto la Mela vorrebbe, delle tattiche Apple… E dunque dalle loro osservazioni, capisci i veri punti deboli di Cupertino: in fondo, sono utili 😉

  15. MacRaiser scrive:

    Hai ragione. Io pero’ non posseggo le indubbie doti di pazienza e sopportazione che queste “indagini” richiedono. Sara’ che ho avuto a che fare con loro cosi’ a lungo che sono diventato allergico 😀

  16. Andrea scrive:

    Ti manca un Po di umiltà e sei perfetto.

  17. MacRaiser scrive:

    In economia, per concorrenza imperfetta si intende una qualunque forma di mercato che si discosta dalle ipotesi classiche del modello di concorrenza perfetta. La concorrenza perfetta è una forma di mercato in cui tutti i produttori sono caratterizzati dalle medesime funzioni di produzione e di costo, con informazione perfetta, nel senso che tutti dispongono delle stesse informazioni e un’omogeneità, quindi perfetta sostituibilità, dei prodotti.“.

    Prenditela con Wikipedia.

    Tra l’altro ai giorni nostri il monopolio puro privato non esiste piu’ ed e0 diventato da tempo una pura ipotesi di scuola, quindi stai blaterando del nulla cosmico.

    I tuoi specchietti per le allodole lessicali in realta’ ti servono come foglia di fico, lo ripeto, solo per coprire la tua scostumata difesa ad oltranza degli evidenti abusi di posizione dominante di Apple.

    Questi trucchetti dialettici da traccartari fuori allenamento usali con qualcun altro: con me non attaccano.

  18. MacRaiser scrive:

    Continui a scrivere insulti senza presentare argomenti decenti. Evidentemente sei tanto a corto dei secondi quanto avvezzo ai primi.

  19. Andrea scrive:

    Da wikipedia la definizione di concorrenza monopolistica, Tanto per dimostrare chi racconta fandonie e chi risponde a vanvera alle obiezioni

    La concorrenza monopolistica è simile alla concorrenza perfetta in quanto esiste un elevato numero di consumatori e offerenti, e c’è libertà d’ingresso e di uscita dal mercato nel lungo periodo.

    Tuttavia, si differenzia dalla libera concorrenza per la non-omogeneità della merce trattata, ragion per cui il consumatore esegue i suoi acquisti presso un determinato offerente (di fiducia).

    I motivi che orientano la scelta possono essere diversi: :

    1. Caratteristiche del prodotto (qualità e prezzo) effettive o presunte (dichiarate dai messaggi pubblicitari);

    2. Abilità personale dell’offerente e dei suoi collaboratori nel trattare la clientela;

    3. Agevolazioni di pagamento quali la possibilità di rateizzare il prezzo d’acquisto;

    4. Di praticare ad interesse zero;

    5. Di dotare l’esercizio commerciale di una buona accessibilità (disponibilità di parcheggi);

    6. Di corrispondere dei premi se gli acquisti superano un determinato importo.

    Nella concorrenza monopolistica il singolo offerente può praticare dei prezzi maggiori rispetto al regime di concorrenza perfetta, in quanto può contare su una clientela affezionata che è disposta ad accordargli la fiducia acquistando i suoi prodotti. Si realizza perciò un prezzo leggermente superiore rispetto a quello di equilibrio che riguarda un teorico regime di libera concorrenza.

    È il mercato di molti prodotti di largo consumo nel settore alimentare, dell’abbigliamento, dell’arredamento, degli elettrodomestici, degli apparecchi elettronici, dei medicinali, dei prodotti di cosmesi e di pulizia personale.

    E adesso che sei sbugiardato dall’evidenza chiedi scusa a chi deve sopportare le tue arroganze. Dovrebbero bannarti Per il tentativo di usare trucchetti che con me non attaccano.

  20. fb scrive:

    A risolvere un giorno arriverà forse Agenda Digitale UE che affronterà anche la questione dell’ interoperabilità per permettere a dispositivi terzi di sincronizzarsi con iTunes
    “perché interoperabilità è competizione”
    http://punto-informatico.it/2933751/PI/News/ue-interoperabilita-competizione.aspx

  21. MacRaiser scrive:

    E dimmi un po’: se non si tratta (come afferma giustamente Wikipedia) di concorrenza perfetta, di che si tratta?
    Se una cosa non e’ perfetta, cosa e’? Come la si definisce? “Pocoperfetta”? “Mezzaperfetta”? “Semiperfetta”? “Pseudoperfetta”? “Perfettoide”? Dimmelo tu, signor “Andrea De Copincollo le frasi dai commenti degli altri per ripeterle a pappagallo nei miei”. Lo capisce pure un bambino, questo concetto: che cio’ che non e’ perfetto e’ per forza imperfetto; ma se non ti basta non hai che da leggere la definizione della stessa Wikipedia che ti ho copincollato sopra. Cosi’ magari capisci, finalmente:

    In economia, per concorrenza imperfetta si intende una qualunque forma di mercato che si discosta dalle ipotesi classiche del modello di concorrenza perfetta.

    Contento? Segui il labiale: tutto cio’ che non e’ libero mercato e’ concorrenza imperfetta, chiaro?

    Adesso pero’ mi hai veramente seccato, oltre che annoiato a morte. Hai letteralmente saturato questo blog con i tuoi insulti idioti e e le tue vigliacche menzogne. Percio’ dico a Mirella che, fino a quando questo ti sara’ permesso, io smettero’ di commentare su MelaMarcia.

  22. mirella scrive:

    Hai tutta la mia solidarietà!

I commenti sono chiusi.