Foxconn: la trasparenza è solo marketing?

In Foxconn le cose non vanno e hanno pesantemente appannato l’immagine di Apple. Apple promette qualche piccolo passo avanti (ieri Bloomberg ha parlato di trasparenza, ma forse è un parolone). Ma mettiamo le mani avanti. Come mi scrivono via email: “I controlli sono solo sul 5% delle fabbriche, e non (ndr: come erroneamente riportato da me) sul 97%. Il 97% e’ il tasso di accuratezza di Apple nel riportare i nomi delle società che assemblano per lei, senza pero’ specificare l’ubicazione delle varie fabbriche“. Ma allora a che serve la nuova glasnost, se è così poco incisiva? Solo marketing?

Le condizioni di lavoro dentro Foxconn sono terribili, tanto da far sentire un po’ colpevoli tutti gli utenti di iPhone, dunque “riverniciare” solo un po’ i termini dei contratti, non è sufficiente.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.