Il provincialismo italiano alla prova di maturità

La crisi e i giovani con brani su Steve Jobs è l’ennesima prova di quanto il Divario digitale affligga l’Italia. Un paese in cui l’analfabetismo informatico colpisce troppi, a vari livelli. Speriamo che gli studenti, più avvezzi con la cultura hacker dei commissari del MIUR, diano loro lezione di alfabetizzazione informatica!

Comunque Jobs, uno che ha abbandonato la scuola per inseguire i sogni e il business, su una cosa aveva ragione. Anch’io direi a chi prepara gli esami di maturità: “Il vostro tempo è limitato. Non buttatelo vivendo la vita di qualcun altro. Non lasciatevi intrappolare dai dogmi(…) Abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. In qualche modo loro sanno già cosa voi volete davvero diventare. Tutto il resto è secondario”.

Forse, un follower di Jobs, avrebbe dovuto stracciare il tema d’esame e dire: “Ora vado a fondare una Sturt-Up”. Sarebbe stato più coerente, no? Ah, l’immaturità della scuola italiana non finirà mai di stupirci…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.