Quel Jobsiano di Berlusconi!

“Anche se i guai giudiziari crescono per gemmazione nelle regioni, non distolgono Berlusconi dalla sua priorità. Un nuovo movimento con cui seppellire il Pdl e rilanciare la scommessa liberale in Italia. Ha sguinzagliato i suoi talent scout sul territorio alla ricerca di volti freschi da mettere in lista. E sta facendo proseliti tra i giovani amministratori e nella società civile con il mantra di Steve Jobs: «Stay hungry, stay foolish». Che ora è diventato il nuovo verbo di Re Silvio.” – Libero

Berlusconi e Steve Jobs… Che hanno in comune?

Ah, già: il Reality Dstortion Field (RDF). Segni particolari dell’RDF del fu Steve Jobs: autorità carismatica, culto della personalità, il mito del controllo, il pensiero magico, la propaganda (e la black propaganda), lo scaricabarile dei problemi su qualcun altro, la suggestionabilità.

E “La bolla” di Mister B? Vedi RDF. I conti tornano se Re Silvio sceglie il mantra di Jobs?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.