Se Apple rottama il vostro “nuovo iPad”. Vecchio, dopo appena sei mesi

“Una mela al giorno toglie il medico di torno, ma, potremmo aggiungere, svuota, e di brutto, il portafoglio. La Apple ha presentato, con ben poca sorpresa, le sue ultime novità. Ma se la versione mini dell’iPad era già stata ampiamente annunciata, la quarta generazione di iPad “maxi” mette a dura prova i nervi e la resistenza anche del fan più accanito. Perché Apple, dalla morte di Steve Jobs, sembra aver smarrito la vena un po’ folle, ma geniale, che l’ha sempre contraddistinta, in favore di un modello di business molto più comune, banale e paradossalmente meno aggressivo di un tempo”.

Questo lo scrive TgCom 24 di Mediaset, mica quegli “ineffabili buontemponi” di Mela Marcia! (Grazie a chi ci ha chiamati “ineffabili buontemponi“: definizione apprezzatissima :).

Perché di questi tempi la Rottamazione non va di moda solo in casa PD. E non l’applica solo Matteo-iPhone5-Renzi, ma persino Apple: il vostro “nuovo iPad”? È già vecchio, dopo appena sei mesi, sostituito dall’iPad di quarta generazione (che, avendo cambiato chip, forse non si surriscalderà come il “new iPad”, già diventato “old” in una manciata di mesi…).

Se l’inflazione galoppasse con i ritmi del ciclo di vita dei prodotti Apple, saremmo già sul lastrico? “Una volta avere l’ultimo prodotto Apple era una cosa “cool” che faceva sentire “smart” e, di conseguenza, anche un po’ snob. Oggi sembra più un salasso, una corsa affannosa ad avere l’ultimo aggiornamento costoso e non necessario di un dispositivo che non solo funziona benissimo, ma di fatto è identico a quello che viene lanciato e spacciato come innovativo. Così sono caduti due tabù” chiude il pezzo di TgTech del TgCom 24 Mediaset, che con poche frasi ad effetto sembra “rottamare” la Mela di Cupertino…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.