Il rasoio di Occam e le epurazioni di Tim Cook. Al via l’era post-Jobs

Più che nell’era post-Pc (visto che l’era Mobile è decisamente più complessa ed è un’era Pc-Plus), Apple è finalmente entrata nell’era post-Jobs. Un solo aneddoto: iOS 7 nel 2013 sarà la piattaforma targata Jony Ive, l’indiscusso geniale designer.

Nel frattempo Apple deve sistemare i gravi ed imbarazzanti bug delle mappe, far uscire Siri dalla sconcertante Beta in cui versa da troppo tempo (a meno che non voglia battere i record delle Beta, ben più evolute, dell’arcirivale Google!), mentre Google ottimizza il suo assistente vocale su Android 4.2, capire perché l’iPad Mini costa troppo rispetto al meraviglioso e completo (dal punto di vista dell’ecosistema) Kindle Fire HD. Anche perché Asus afferma: Nexus 7 vende un milione di mini tablet al mese. Dopo il fenomeno Kindle Fire, iPad deve temere un “secondo fronte”: il fenomeno Nexus (il Nexus 10 ha una risoluzione da vertigini). In attesa di sapere se Microsoft alla BUILD developer conference conquisterà gli sviluppatori, il che renderebbe il Microsoft Surface il terzo fronte: un nuovo concorrente ultratemibile, grazie a Office 13 e alla pervasività del mondo Windows.

La controffensiva di Tim Cook fa entrare Apple nell’età adultà, dopo decenni di post-adolescenza viziata. Benvenga la mossa. Il blog libertario Mela Marcia continuerà il lavoro di Watchdog: non faremo sconti a nessuno perché questo blog non ha mai avuto né mai avrà Nessungrandenemico. In bocca al lupo al nuovo corso di Apple, dopo che il titolo ha perso 100 dollari in 40 giorni. La “zona comfort” è finita, l’RDF si è rotto, frantumato dal disincanto: la concorrenza sarà spietata. Il Rasoio di Occam è affilatissimo.

L’uragano Sandy, in mezzo alle macerie, ha lasciato a terra Scott Forstall e lanciato anche Hurricane Cook. La sfida nel mercato smartphone, al momento, è stata vinta a man bassa da Android con oltre il 65% di market share. E la sfida nel mercato tablet inizia solo ora: iPad deve affrontare una corazzata di tablet, ibridi e convertibili. Una sfida che farebbe tremare i polsi a chiunque: da Kindle Fire HD a Nexus 10, da Nexus 7 a Surface, dai convertibili di Dell –  AcerSamsungAsus – il mercato è un mare aperto. Solo capitani coraggiosi, e non prime donne Yes-men, possono solcare i mari in tempesta senza perdere la bussola.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.