L’iRally

Barron’s prevede che Apple venderà 47.5 milioni di iPhone 5 in questo trimestre, sbaragliando la concorrenza, per calare (si fa per dire) a 42.5 milioni a marzo. Anzi Research Group BTIG nega ci siano problemi alla supply chain di Apple, ma afferma che i ritardi sono una tattica commerciale, per trattenere gli utenti nei negozi a spendere e spandere in accessori.

Oppenheimer & Co. azzarda: dopo il recente calo del 20%, sarà rally. Apple tornerà a volare, trainata dalle vendite natalizie di iPhone 5.

Ma il guru dei bond, Jeffrey Gundlach di Doubleline Capital, raffredda i favili entuiasmi e gela CNBC: altro che rally, il titolo di Apple crolleà a 425 dollari. Chi vivrà, vedrà: per ora Apple ha venduto 5 milioni di iPhone 5 nel primo week-end, sotto le aspettative degli analisti.

[…] Long store lines and long ship times generate excitement in the press around new product launches […] In addition, the ability to purchase an iPhone 5 or iPad Mini the night before on the website for a next day pick-up in the store has been a new and popular strategy.

Sprint’s CFO has noted that the reservation policy has increased the purchase of accessory sales in their stores. Some might suggest this is a focus on profits over customer friendliness, not unlike the criticisms over Apple’s choice to dump Google Maps. Whatever the reason, the ship times and reservation do not appear to be the only way to determine supply constraints and it appears that supply should not be an issue this quarter.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.