Le vittime delle mappe bacate

Dopo Scott Forstall, anche Richard Williamson, uno dei manager responsabili delle mappe, è stato fatto fuori. Mentre Nokia Here è già in download e Google accelera lo sbarco dell’app Google Maps su App Store, prosegue la saga delle vittime delle mappe bacate.

Una falla che non ha impedito il boom dell’iPhone 5, ma ha messo in luce le lacune nel management di Apple: basta con gli Yes man, servono serie debugger. Il Ceo Tim Cook sta da un mese correndo ai ripari. Per evitare il “danno d’immagine”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.