HTML5: La vendetta di Adobe su Steve Jobs

Nonostante i significativi investimenti di Microsoft, Google ed altri, HTML5 rimane irraggiungibile per una gamma di apps. Mark Zuckerberg lo ha bocciato: Facebook ha scelto la strada delle apps native, dopo aver perso tempo con l’HTML5. Per una Rovio che fa soldi, orde di development shops guadagnano realizzando apps per altri.

HTML5 rimane debole ed evade ancora l’obiettivo della standardizzazione, afferma Noah Broadwater, vice presidente di Information Services at Sesame Workshop.

Adobe, la regina di Flash, è allora balzata sull’HTML5 comprando Nitobi, sponsor del popolare progetto PhoneGap. Risultato? Ha rilasciato un promettente set di authoring tool per HTML5 . Lo sviluppo nativo per iOS sarà rimpiazzato con lo sviluppo di tool in HTML5.

All’inefficienza dello sviluppo delle apps native, Adobe offre una speranza: Developer di tuitto il mondo, unitevi! Ma sotto il segno di Adobe. E non di Apple…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.