Ci tenete alla privacy? Non la otterrete imbrattando i muri di Google. Ma con più crittografia

Due terzi degli utenti riconoscono di avere una responsabilità individuale nel non tutelare la propria privacy sui social media.

L’industria della cyber sorveglianza esiste, eccome, come mostrano gli  SpyFiles di Wikileaks. Ma i Mostri non non sono quelli che pensate voi, ragazzi idealisti anti Big Brother!

E – ahimè – spesso i veri complici del Grande Fratello sono gli utenti, che non usano crittografia forte e non implementano i Minima Moralia per proteggere la propria privacy.

Ci tenete alla privacy? Non la otterete imbrattando i muri di Google! Ma adottando i consigli di EFF, per esempio,.

Dovreste invece preoccuparvi degli autodidatti con scarsa conoscenza e consapevolezza riguardo alla sicurezza IT. Sono pericolosi per tutti, soprattutto per le aziende in cui lavorano.

Chiedete trasparenza ai governi che spiano tutti attraverso Internet. Chiedete più sicurezza alle aziende! Ma, voi per primi, implementate misure di sicurezza e privacy per difendervi. Lasciamo la street art al genio di Bansky!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.