DOS diventa open source e finisce in un Museo.

I codici sorgenti sono rilasciati a un Museo dell’informatica. Ma aver reso open source DOS e il primo Word per Windows – certo, anticaglie IT – , è un’apertura non scontata.

Ovvio: oggi gli occhi sono puntati su Office per iPad. Sul nuovo Ceo Satya Nadella. Ma la comunità del mondo Education e Scholarship dovrebbe salutare la mossa di Microsoft con simpatia. Che poi il Computer History Museum abbia sede a Mountain View, in California (non lontano da Google!), è ironia della sorte. Ma i passi compiuti da Microsoft nell’Openness,  continuano.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.