Comprereste l’iCar?

Ogni giorno, in Italia, passeggiando, vedo un paio di auto parcheggiate che, accanto al marchio automobilistico, hanno attaccato un adesivo con la Mela morsicata. Questo non è certo un sondaggio, ma dà l’idea delle potenzialità dell’eventuale ingresso di Apple nel mercato delle auto elettriche, magari con una self-driving car. Apple può sfidare Tesla e Gm? Gene Munster, analista di Piper Jaffray, dice di sì: dieci anni fa sarebbe apparsa una follia, ma oggi, dopo aver vsto l’Automotive al CES 2015 a Las Vegas, c’è da chiedersi why not. Apple, con un valore di capitalizzazione da 700 miliardi di dollari e una montagna di contanti (180 miliardi di dollari) da investire in R&D, può decidere che cosa fare da grande. Inoltre, ha già pronta tutta la tecnologia da inseirire sul cruscotto per l’info-tainment. L’esperienza nelle batterie elettriche è ormai un dato di fatto. E Luca Maestri ha trascorso 20 anni in General Motors, mentre Eddy Cue è nel board di Ferrari. Il Ceo Tim Cook è il genio della logistica, un abilissimo regista della globalizzazione. E non dimentichiamo gli Apple Store, una vera ragnatela nel mercato globale. Il resto è marketing, e qui Apple è maestra. Magari non costruirà un’auto intera, ma concept o reference designs da vendere ai marchi dell’automobilismo, è possibile.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.