Tante piccole Xiaomi crescono.

In Europa, una volta, i grandi brand di telefonia erano Nokia, Ericsson e Siemens. Nomi noti a tutti. Oggi invece ci sono gli gnomi della telefonia, pronti a spartirsi una fetta del mercato smartphone che solo in Europa vale 62 miliardi di dollari all’anno.

Tante piccole Xiaomi crescono. Sono la spagnola BQ, l’inglese Kazam, le francesi Archos e Wiko. E si fanno largo nel mercato grazie a qualità, design, tecnologia e prezzi aggressivi. Spesso montano fotocamere da 13 Megapixel. Crescono in fretta, anche se non provano a competere sulla fascia alta. Secondo Idc, Wiko è cresciuta di cinque volte l’anno scorso.

Nessuna di queste piccole aziende ha più del 4% di quote di mercato contro il 35% di Samsung. Ma i piccoli gnomi del mercato smartphone, crescono: Wiko ha raggiunto il 17% nell’ultimo trimestre in Francia, BQ il 9% in Spagna. Sono startup che producono in Cina, sviluppno tecnologia in casa, sfruttano Android, l’Os gratuito e open source. Sono brand locali, secondo Gartner. Ma, nell’economia stagnante europea, i Piccoli hanno una chance per crescere. Non sottovalutiamo le Xiaomi europee.

[Fonte: Bloomberg]

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.