Apple cade per la prima volta in 13 anni.

Lasciamo perdere le cifre, pur importanti (-16% le vendite di iPhone). Lasciamo perdere pure le rassicurazioni del Ceo Tim Cook, pur veritiere (l’azienda è solida e i servizi sono in crescita del 20%). Ma perché la Gallina dalle Uova d’Oro sembra essersi inceppata? Soprattutto perché essere eccessivamente dipendenti da un unico prodotto (dall’iPhone dipendono due terzi del fatturato) è rischioso. Il resto dei commenti, lo lasciamo all’opinione delle società d’analisi.

Cara Apple, è l’ora di tirare fuori le unghie. E di dimostrare la tua vera natura, perché la parte facile – l’ascesa col vento in poppa del mercato smartphone – è finita. Il rallentamento cinese e la frenata del mercato smartphone, nell’era della VR, di IoT e big data, rappresentano la vera sfida. Anche Nokia ieri ha acquisito un’azienda di smartwatch per l’e-health, mai sedersi sugli allori!

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Apple cade per la prima volta in 13 anni.

Fiato sospeso per i conti di Apple.

È vero che il Ceo Tim Cook aveva messo le mani avanti. È vero che Apple aveva avvertito del rallentamento delle vendite di iPhone. È vero che il mercato smartphone sta rallentando. Ma la delusione serpeggia, soprattutto perché Apple Watch ancora non decolla e i conti dell’azienda sembrano sotto tono e rimangono eccessivamente dipendenti da iPhone. La verità, fra poche ore.

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Fiato sospeso per i conti di Apple.

Steve Wozniak: Apple dovrebbe avere una pressione fiscale del 50%, come me.

Steve Wozniak non fa sconti alla Mela di Cupertino, di cui è co-fondatore. Apple dovrebbe avere una pressione fiscale del 50% “come me“.

Non mi piace l’idea che Apple possa non pagare le tasse come invece fa una persona normale” ha dichiarato alla BBC.

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Steve Wozniak: Apple dovrebbe avere una pressione fiscale del 50%, come me.

Noi non subiamo la vostra offensiva, noi creiamo l’Offensiva.

L’accusa di abuso di posizione dominante mossa dall’Antitrust UE ad Android viene guardata con irritazione e sospetto negli USA. Negli ultimi anni l’Europa sembra sferrare attacchi pretestuosi alle Big IT americane: dalla Web Tax alla sentenza sul diritto all’oblio, dal verdetto sul Safe harbour fino all’attacco contro Android, ci sono una regia tedesca e un protezionismo europeo nell’offensiva contro le american company?

Noi non subiamo la vostra offensiva, noi creiamo l’Offensiva, direbbe, parafrasando, Frank Underwood in House of Cards!

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Noi non subiamo la vostra offensiva, noi creiamo l’Offensiva.

Google rischia 7 miliardi di multa.

L’Antitrust UE fa sul serio contro Android. Le accuse sono pesanti: abuso di posizione dominante. Google rischia 7 miliardi di multa, pari al 10% del fatturato. Il motore di ricerca di Mountain View ha 12 settimane di tempo per rispondere in maniera formale alle accuse mosse dal commissario Margrethe Vestager.

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Google rischia 7 miliardi di multa.

Il giallo di Project Titan s’infittisce.

Apple ha assunto Chris Porritt, ex vice presidente del vehicle engineering di Tesla Motors ed ex Aston Martin. Il giallo di Project Titan s’infittisce. Le Apple Cars sono in cantiere?

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Il giallo di Project Titan s’infittisce.

Blackberry non solo sorveglia, ma se ne vanta.

Mentre Apple ha fatto guerra all’FBI e Microsoft ha intato causa al governo USA contro la cyber-sorveglianza, Blackberry non solo collabora con le autorità, ma se ne vanta. Il Tecno-controllo? Ma va là, siamo canadesi!

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Blackberry non solo sorveglia, ma se ne vanta.

Gli iPhone riciclati sono una miniera d’oro.

Apple ha riciclato oro per un totale di 40 milioni di euro, solo nell’ultimo anno. L’azienda ha recuperato circa 41.000 tonnellate di componenti dai device venduti, fra cui acciaio, plastica, zinco, oro eccetera. Un riciclo che vale oro, visto che il metallo è molto usato in elettronica per la conduttività e la resistenza alla corrosione.

Gli iPhone riciclati sono una miniera d’oro. Letteralmente.

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Gli iPhone riciclati sono una miniera d’oro.

Ottocento euro per un iPhone che dura tre anni?

In occasione di Apple for Earth, campagna di comunicazione sugli impatti ambientali dei propri prodotti in collaborazione con WWF, è stato rilasciato un documento che afferma: «Per quanto riguarda gli anni di utilizzo, da quando il device è stato acquistato per la prima volta, sono circa quattro anni per i dispositivi su OS X e TVOS e tre anni per i dispositivi con iOS e di WatchOS».

Insomma, 800 euro per un iPhone che poi cambierete tre anni dopo?

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Ottocento euro per un iPhone che dura tre anni?

Microsoft si erge come Giustiziere anti Intercettazioni.

Se Apple è il Paladino della Privacy, dopo la guerra contro l’FBI, Microsoft non vuole essere da meno e fa causa al governo contro lo spionaggio delle email, ergendosi come Giustiziere anti Intercettazioni.Nel nome del Quarto e del Primo emendamento della Costituzione americana.

P.S.: Nessuno avrebbe pensato solo 4 anni fa che per Restare Umane, rifarsi una verginità e riconquistare fiducia, le Big IT avrebbero riscoperto il pudore della Privacy. Ma sanno sempre stupirci le nostre multinazionali dell’era digitale.

Pubblicato in Senza categoria | Commenti disabilitati su Microsoft si erge come Giustiziere anti Intercettazioni.